Go to Top

Lunghezza Focale

Lezione 03 Lunghezza Focale

Nel mondo delle compatte si sentono spesso termini come 2x, 3x, 4x per indicare il livello di ingrandimento possibile di una scena. Questa terminologia per le reflex non c’è, si parla di lunghezza focale.

Per lunghezza focale si intende la distanza che c’è tra il “centro ottico” del’obiettivo e il punto centrale del sensore. E’ una caratteristica dell’obiettivo ed è espressa in millimetri.
Nella lezione precedente si è parlato di lenti che si muovono per permettere la messa a fuoco. E’ importante specificare però che in quel caso il loro centro ottico resta comunque sempre alla stessa distanza dal sensore. In pratica durante la messa a fuoco le lenti si avvicinano o allontanano tra di loro ma l’intero gruppo resta sempre alla stessa lunghezza focale.

Cosa succede invece se spostiamo l’intero gruppo allontanandolo dal sensore? I coni saranno più lunghi, quindi :

– siccome ogni cono va in direzione diversa, più lunghi sono e più le loro punte si allontanano le une dalle altre, si espandono e riporteranno sul sensore un’ immagine ingrandita.

– se si ha un ingrandimento dell’immagine vorrà dire che non ci sarà spazio per tutta la scena nell’inquadratura.

– tutti i coni si allungano e la differenza di lunghezza tra un cono e l’altro aumenterà. Quelli non a fuoco avranno dunque dei circoli di confusione più grandi.

In sintesi una lunghezza focale maggiore determinerà un ingrandimento dell’immagine, una riduzione della visuale e uno sfuocato più accentuato delle zone non a fuoco.
Le immagini sottostanti sono state scattate rimanendo sempre alla stessa distanza dal primo cavaliere a fuoco ma aumentando ogni volta la focale. Osservate come è evidente, oltre l’ingrandimento progressivo, anche una visuale man mano più limitata e un aumento della sfocatura dei cavalieri non a fuoco.

Focale-17Focale-32Focale-50

Esistono obiettivi a lunghezza focale variabile e obiettivi a lunghezza focale fissa.
Quelli a lunghezza focale variabile, detti zoom, permettono, tramite una apposita ghiera, di spostare il centro ottico allontanandolo o avvicinandolo al sensore. Gli obiettivi a focale fissa invece no, sono infatti più scomodi ma generalmente hanno una resa migliore.

Come dicevamo, la lunghezza focale determina anche l’angolo di campo che si riesce a inquadrare. Gli obiettivi si distinguono per questo in tre macro categorie :

Grandangoli. Obiettivi con lunghezza focale più o meno dai 10 ai 30 millimetri, che permettono di inquadrare un angolo di campo molto ampio. Per questo sono obiettivi adatti a fotografare piazze, panorami, architettura, interni.

Normali. Obiettivi con lunghezza focale tra i 30 ai 60 millimetri che permettono di inquadrare un angolo medio. Di solito i più usati nelle foto comuni.

Teleobiettivi. Obiettivi con lunghezza focale oltre i 60 millimetri che permettono  di inquadrare un angolo molto ristretto. Utilizzatissimi nelle foto sportive, nei ritratti (grazie anche alla caratteristica di uno sfocato di fondo più facile da ottenere), foto ad animali in natura e altro.

C’è una ulteriore caratteristica dell’immagine che varia a seconda della lunghezza focale : la prospettiva. Una focale corta rende ampi gli spazi che intercorrono tra la lente e l’infinito mentre  una focale lunga tende a schiacciarli. Osservate queste foto scattate a varie focali. Sono state scattate cambiando focale e allontanandomi dal soggetto per fare in modo che la dimensione del soggetto resti invariata, proprio per evidenziare solo le differenti di prospettive. Osservate come con una focale grandangolare gli alberi sullo sfondo sembrano lontanissimi e come sembrano avvicinarsi man mano che viene usata una focale più lunga.

D1D2D3D4

La lunghezza focale non sarà un valore imprescindibile da imparare per scattare una foto ma è importante conoscere anche solo per grandi linee le misure e le caratteristiche raggruppate per categorie. Se vi trovate di fronte un panorama non esiste una regola che dica che focale utilizzare, ma di certo, se sulla vostra macchina è montato un 70-300mm, dovrete sapere che si tratta di un teleobiettivo e che non è adatto a fotografare un panorama. (Ve ne accorgereste anche da soli perché appena guardereste dal mirino vedreste forse solo un albero 🙂 )

Che obiettivi avete? Focale fissa? Zoom? Leggete le sigle. Nella sigla di ogni obiettivo è indicata la focale o il range di focali in caso sia uno zoom. Probabilmente avete un zoom 18-55mm o comunque simile. Identificateli nelle tre categorie. Distinguete le due ghiere sull’obiettivo, quella dalla messa a fuoco e quella delle lunghezze focali. Scattate delle foto alla stessa scena a varie focali e notate la differenza dell’angolo di campo. Scattate foto a un soggetto non troppo lontano a varie focali ma indietreggiando o avvicinandovi in modo che il soggetto venga nella foto sempre delle stesse dimensioni. Notate la prospettiva come cambia. Sperimentate voi stessi come aumenti notevolmente la sfocatura delle zone non a fuoco man mano che usate una focale più lunga.
Se trovi utile questo sito sostienilo con una donazione
Share Button
, , , , , , , , ,

2 Responses to "Lunghezza Focale"

  • Guido
    3 March, 2016 - 8:22 am Reply

    Una domanda:poichè se aumento la ficale aumenta anche la sfocatura di ció che bon è a fuoco, non posso limitare il febomeno ‘lavorando’ sull’apertura del diaframma? Piu è chiuso più metto a fuoco tutti ‘i piani’. Sbaglio?

    • Luigi Capasso
      Luigi Capasso
      3 March, 2016 - 8:29 am Reply

      Hai “sostanzialmente” ragione : a fuoco sarà sempre un solo piano ma darai la percezione del fuoco su più piani perchè più chiudi il diaframma più la sfocatura si “riduce”. Ricordati di considerare anche che quando si chiude il diaframma si va in contro a un altro problemino: i tempi si allungano. Ciao, Luigi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *